Villa Agazzi Sailer

Villa Lazzari Agazzi Sailer

Villa Lazzari Agazzi Sailer (c) http://www.noalenostra.org/

Costruita nel XIV secolo come abitazione signorile, nel secolo XVI la proprietà della villa passò alla famiglia Lazzari, originaria dalla città di Bergamo, ed insediatisi in quel tempo a Venezia.

Leggi anche dalla Storia della Terra dei Tiepolo: Il dominio Veneziano
Nel 1752 Francesco Lazzari decise di lasciare la villa della Cappelletta nelle mani del nipote Bartolomeo, e nel 1756 la proprietaria è la nipote Giulia, figlia di Giacomo Lazzari e moglie di Carlo Agazzi, come documentato dagli incartamenti presenti nell’Archivio Storico di Noale, nel sommarione del Catasto Veneto del 1781 e da una richiesta per una peschiera nel 1792 depositata presso l’Archivio di Stato di Venezia.
Nel catasto Napoleonico del 1810 risulta che la villa fosse di proprietà della famiglia Villabruna Dei Anna. Essi ne disposero solo per un breve periodo, dopodiché, alla metà del XIX secolo, la cedettero alla famiglia Sailer.
Con le vicende della prima guerra mondiale e lo smembramento della famiglia Sailer, ebbe inizio il processo di decadimento del complesso.
Durante la guerra del 1915-18 le barchesse furono utilizzate come ospedale da campo di retrovia.
Nel 1952 la villa fu acquistata da Antonio Deganello il quale, nel 1953, per la necessità di acquisire ulteriore area coltivabile, demolì una torretta che fungeva da allevamento di colombi. Egli inoltre distrusse gran parte del bellissimo parco, sradicando secolari piante arboree per trasformare il terreno in arativo. Durante il periodo di possesso della villa da parte di Antonio Deganello, tale immobile fu anche adibito,se pur per un breve periodo, a scuola di formazione professionale.
La villa, venduta nel 1961 all’ordine religioso di Treviso “Piccolo Rifugio”, diventò abitazione per ragazze madri, gestito da suore laiche.
Nel 1984 la villa fu ceduta al Comune di Noale e per alcuni anni fu utilizzata per manifestazioni culturali, quali mostre e concerti, per essere successivamente abbandonata, cadendo così in degrado.
Dal 1996 la villa è di proprietà di una società privata, mentre la barchessa ovest e le adiacenze, risalenti ai primi dell’800, sono adibite ad abitazioni private.
Nel giro di pochi anni, dopo un impegnativo e proficuo restauro, Villa Agazzi Sailer è ritornata alla sua bellezza ed al suo splendore originario.

(c) Testo Wikipedia

SCOPRI IL NOSTRO ITINERARIO “LE VILLE VENETE”


Informazioni utili:

Dove: 

Via Santa Giovanna D’Arco, 36 – Noale

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Fatal error: require_once(): Failed opening required '/homepages/36/d596005062/htdocs/clickandbuilds/terradeitiepolo/wp-content/themes/hueman/footer.php' (include_path='.:/usr/lib/php5.5') in /homepages/36/d596005062/htdocs/clickandbuilds/terradeitiepolo/wp-includes/template.php on line 688